Fondo di Garanzia 662 | Progetti Finanziari

Legge 662

Fondo di garanzia per le piccole media imprese

Il Fondo di Garanzia per le PMI è uno strumento che è stato istituito nel nostro ordinamento con la Legge n. 662/96 (art. 2, comma 100, lettera a) ed è operativo dal 2000. Lo scopo di questo fondo è quello di favorire l’accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese, mediante la concessione di una garanzia pubblica che si affianca e spesso si sostituisce alle garanzie reali portate dalle imprese. Grazie a questo Fondo, l’impresa ha la concreta possibilità di ottenere finanziamenti senza garanzie aggiuntive, e quindi senza l’aggravante di costi di fidejussioni o polizze assicurative, sugli importi garantiti dal Fondo, che però, è bene precisare, non offre comunque contributi in denaro. Secondo le ultime rilevazioni, come riportato sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, oltre il 99% delle imprese ha avuto accesso al finanziamento con la copertura del Fondo in assenza della presentazione di garanzie reali.

Come funziona il Fondo di Garanzia della legge 662/96

Il Fondo di garanzia della legge 662 del 1996, sostiene lo sviluppo di micro, piccole e medie imprese italiane concedendo una garanzia pubblica a fronte di finanziamenti concessi da banche, società di leasing e altri intermediari finanziari. La garanzia concessa dal Fondo è una agevolazione del Ministero dello sviluppo economico, finanziata anche grazie alle risorse europee dei Programmi operativi nazionali e interregionali 2007-2013, che può essere attivata solo a fronte di finanziamenti concessi da banche, società di leasing e altri intermediari finanziari a favore sia di imprese che professionisti. Il Fondo ponendosi come garante non interviene direttamente nel rapporto tra banca e cliente, infatti i tassi di interesse, le condizioni di rimborso ecc., sono lasciati alla contrattazione tra gli istituti di credito e le imprese. Ma sulla parte garantita dal Fondo non possono essere acquisite garanzie reali, assicurative o bancarie.

Per la banca il rischio è nullo poiché in caso di insolvenza dell’impresa, viene risarcita dal Fondo Centrale di Garanzia e in caso di eventuale esaurimento di fondi di quest’ultimo, direttamente dallo Stato.

I soggetti garantiti dal Fondo

Le imprese che possono accedere al Fondo di Garanzia per le PMI sono sia le imprese di micro, piccole o medie dimensioni (PMI) iscritte al Registro delle Imprese che i professionisti iscritti agli ordini professionali o aderenti ad associazioni professionali iscritte all’apposito elenco del Ministero dello Sviluppo Economico. Per poter essere garantite le imprese e i professionisti devono dimostrare di poter rimborsare il finanziamento garantito. La valutazione viene attuata dimostrando la salute sia economica che finanziaria, analizzando i dati di bilancio o delle dichiarazioni fiscali degli ultimi due esercizi. Per le start up, la valutazione è fatta su piani previsionali.

Per quali settori si può accedere al fondo

Le imprese che possono essere garantite dal fondo della 662/96 sono quelle appartenenti a qualsiasi settore ad eccezione delle attività finanziarie. Le imprese agricole possono utilizzare soltanto la controgaranzia rivolgendosi ad un confidi che opera nei settori agricolo, agroalimentare e della pesca.

Le operazioni e la misura massima del Fondo 662/96

Il Fondo di Garanzia garantisce fino ad un importo massimo di 2,5 milioni di euro ed è concesso fino ad un massimo dell’80% del finanziamento. Non sono previste particolari limitazioni per i tipi di operazioni finanziabili, quest’ultime possono infatti essere a breve, medio o lungo termine e riguardanti sia la liquidità che gli investimenti. Il limite dei 2,5 milioni di euro è relativo alla garanzia e non al totale del finanziamento richiesto che può anche avere un importo più elevato.

Come si presenta la domanda per l’accesso al Fondo di Garanzia

La domanda non può essere presentata direttamente al Fondo. I soggetti interessati infatti devono rivolgersi a una banca per richiedere il finanziamento e contestualmente richiedere che venga acquisita la garanzia del Fondo sul finanziato. È in questa fase che interviene il team di Progetti Finanziari che grazie alla sua esperienza, si occuperà di fornire tutta la consulenza necessaria per presentare in modo corretto la domanda alle banche e aiuterà le imprese nella predisposizione della documentazione utile all’ottenimento della garanzia.